Plin al ripieno di pearà

Oggi Vi propongo un formato di pasta ripiena tipicamente piemontese, il ripieno invece è una salsa Veronese che di solito viene accompagnata al bollito.

L’idea del ripieno arriva dall’avanzo di questa salsa, perché si sa che in cucina non si butta niente.

La Pearà salsa Veronese composta da brodo di carne, pane grattugiato, midollo di mucca e grana grattugiato. Un mangiare dei nostri nonni che seriva ad accompagnare il bollito di carne, bollito di carne con cui appunto si prepara il brodo per è ingrediente principale di questa salsa.

Il pellin invece Un raviolo di origine piemontese, In questa versione Vi propongo una pasta al radicchio rosso di Verona, il tutto tagliato su una crema al Grana Padano.

Ingredienti per 4 persone:

Per la pasta dei Plin:

270 gr di farina 0 + la farina per impastare

1 uovo

150 gr di radicchio rosso di Verona privato della costa bianca

Per il ripieno:

Pearà avanzata e fatta raffreddare qb

1 lt di brodo di carna ( carne di manzo, osso di manzo con midollo,sedano, catote, cipolla, prezzemolo)

Pane grattugiato qb

2 cucchiai di grana padano grattugiato

Sale

Pepe nero

Per la salsa al grana padano: a questo punto Potete iniziare a fare la pearà,

200 gr di grana padano grattugiato

100 gr di panna

Procedimento:

  1. Per prima cosa si deve preparare la terra per il ripieno. Mettete sul fuoco una pentola con parecchia acqua, inserite il manzo rosso col midollo e tutte le verdure. Fate bollire per due ore, quando il brodo sarà cotto eliminate le impurità sulla superficie.
  2. A questo punto potete iniziare a fare la pearà, In una casseruola dai bordi alti inserite circa 6 mestoli di brodo, circa 200 grammi di pane grattugiato, iniziato a far cuocere, il tutto dovrá avere la consistenza di un purè. Epate abbondantemente e salate, dovrà cuocere a fuoco lento per almeno un’ora. A cottura ultimata Aggiungete il Grana Padano e lasciate raffreddare.
  3. Ora prepariamo la pasta, avete radicchio lavato e pulito privato della Costa centrale bianca, fate cuocere a vapore per 10 minuti, salate e fate raffreddare.
  4. Sul tagliere disponete la farina a fontana, inserite l’uovo e radicchio. Iniziate a impastare energicamente per circa 10 minuti. Coprite con pellicola e fate riposare per mezz’ora.

  1. potete stendere la pasta in un velo sottile, con la nonna Papera con il mattarello come volete.
  2. Adagiate sulla pasta stesa una piccola parte di ripieno, legate la sfoglia su se stessa avendo cura di chiudere bene i bordi.
  3. ripiegate quindi i plin su se stessi un’altra volta chiudendo sempre bene i bordi e tagliateli con la rotella.
  4. Ora portate a bollore una casseruola piena d’acqua per cuocere i plin.
  5. Nel frattempo preparate la crema al grana padano, in un pentolino fate scaldare la panna aggiungete Grana Padano e fatelo sciogliere senza mai far bollire.
  6. Cucce i plin per 5 minuti circa in abbondante acqua salata, scolateli, disponete sul fondo del piatto un po’ di fonduta di Grana Padano, quindi i plin e servite ben caldi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *