Deprecated: Hook custom_css_loaded is deprecated since version jetpack-13.5! Use WordPress Custom CSS instead. Jetpack non supporta più il CSS personalizzato. Leggi la documentazione WordPress.org per scoprire come applicare gli stili personalizzati al tuo sito: https://wordpress.org/documentation/article/styles-overview/#applying-custom-css in /home/gustadegustablog/public_html/wp-includes/functions.php on line 6031
Ricette Archivi – Pagina 17 di 25 – gusta de gusta blog

gusta de gusta blog

gdegustare@gmail.com

GUSTAdeGUSTA

Tortino di patate e asparagi

Amo  preparare questi tortini quando ho ospiti, sono veloci da fare, e passata la stagione degli asparagi si possono abbinare a tante altre verdure, un’insalatina di rucola in estate oppure al radicchio rosso brasato in inverno.

Uso sempre sia per la versione estiva e per quella invernale l’Asiago fresco,  detto anche Asiago pressato, viene prodotto con latte intero e fatto maturare per almeno 20 giorni, è delicato e gradevole,  lascia un’irresistibile nota dolce e lievemente acidula.

https://www.asiagocheese.it/it/formaggio/asiago-fresco

In abbinamento vi propongo un vino aromatico e persistente che contrasta e allo stesso tempo accompagna nel gustare il piatto il gusto dell’asparago, un vino profumato e vivace il Riesling di Peter Zemmer

http://www.peterzemmer.com/

Ingredienti per circa 7 tortini del diametro di 6 cm:

15 asparagi verdi

700 gr di patate comuni

8 cucchiai di farina 0

100 gr di formaggio Asiago fresco

1 uovo

Noce moscato

Aceto balsamico

Sale

Pepe bianco

Olio evo

Procedimento:

  1. Come detto questi sono tortini molto veloci da fare, sbucciate le patate tagliatele a pezzi e versate nel mixer, tritate.
  2. Aggiungete l’Asiago, l’uovo, sale, noce moscata, tritate ancora.
  3. Dividete il composto negli stampi in silicone, infornate a 200° per 25 minuti.
  4. Nel frattempo lavate gli asparagi ed eliminate la parte finale dura, tagliate ogni asparago in tre parti e cuocete a vapore per 10 minuti, condite con sale, pepe bianco e aceto balsamico.
  5. Impiattate  posizionando gli asparagi sopra il tortini.
Asparagi verdi

Spaghetti di farro integrale alla crudaiola

Mangiare bene non  vuol dire rinunciare al gusto e alla creatività. Vi lascio questa ricetta che prevede l’utilizzo di una pasta realizzata con un cereale nobile quale il farro, buona fonte di proteine e ancora migliore fonte si selenio per di più integrale, che viene condito con un sugo preparato interamente a crudo, ricetta vegana e che mantiene il più possibile intatto il gusto degli alimenti.

Ingredienti per 4 persone:

360 gr spaghetti farro integrale

1 pomodoro ramato

1/4 di cipolla rossa di tropea

2 cucchiaio di capperi dissaralati

30 olive verdi denocciolate

prezzemolo e basilico tritati qb

sale

Procedimento:

  1. fate bollire l’acqua, salate e buttate la pasta…
  2. nel frattempo che la pasta cuoce tritate nel mixer il pomodoro, i capperi, le olive, la cipolla e il basilico, tritate pure grossolanamente.
  3. scolate la pasta e condite con il sugo, aggiungete abbondante prezzemolo tritato.

Gnocchetti sardi allo zafferano

Vi prometto che in 20 minuti preparerete questo piatto, buono, saporito e bello… in pratica il tempo che l’acqua arrivi a bollore…

Inoltre sono ingredienti che tutti abbiamo in casa.

Ingredienti per 4 persone:

360 gr di gnocchetti sardi

2 gr zafferano

250 gr ricotta vaccina

Acqua di cottura della pasta

2 cucchiai pane grattugiato

3 cucchiai prezzemolo

Olio evo

Sale

Procedimento:

  1. Nel mixer piccolo frullate del pane raffermo con il prezzemolo e un cucchiaio di oliobevo, otterrete la panatura che dovrete solo far rosolare in padella.
  2. Portate a bollore abbondante acqua salata, cuocete i gnocchetti.
  3. Mentre cuociono gli gnocchetti nel mixer frullate ricotta, zafferano e un mestolo di acqua di cottura, aggiustate di sale. Il composto deve essere molto cremoso, quindi se serve aggiungere ancora acqua di cottura.

Come promesso ricetta fast, mantecate gli gnocchetti con la crema ottenuta, impiattate e guarnire con la panatura.

Maccheroni al ferretto cremosi

Oggi vi voglio illustrare il favoloso piatto di pasta che mi sono preparata il 25 aprile, dopo una bella camminata di 6 km sulle rive del fiume Adige, fiume che attraversa la mia città Verona, una passeggiata rilassante immersa nella natura, finalmente accompagnata da un bel sole.

Camminata per piacere e benessere personale ma anche come preparazione alla Treviso in rosa 2018, e dopo l’attività fisica cibo per il corpo e per la mente. Ho deciso di preparare i maccheroni al ferretto con crema di fave e Primolight un’altro buonissimo formaggio Tomasoni, con il 60% di grassi in meno rispetto al solito stracchino senza trascurare il gusto però, formaggio molle ad alta digeribilità.

Primolight

https://www.caseificiotomasoni.it/it/prodotti/item/6-stracchino-primolight

Poi le fave un legume che adoro, a pertire dal loro colore verde brillante, fonte di proteine, fibre e sali minari.

Ingredienti per 4 persone:

360 gr maccheroni al ferretto

200 gr di fave sgusciate

80 gr Primolight Tomasoni

1 scalogno

100 gr nocciole

olio evo

sale

pepe nero

rosmarino

Procedimento:

  1. Fate cuocere le fave a vapore per 20 minuti, con un rametto di rosmarino e lo scalogno tritato, io prediligo la cottura a vapore perchè altera di meno l’alimento e non modifica il colore dell’alimento.
  2. Quando le fave saranno cotte eliminate il rametto di rosmarino, frullate con frullatore a immersione le fave e lo scalogno, aggiungendo pocchissima acqua, quel che basta per renderla cremosa. Aggiustate di sale, aggiungete lo stracchino e frullate ancora, dovrà risultare una crema liscia e vellutata.
  3. Portate a bollore abbondante acqua salata nella quale andrete a cuocere la pasta.
  4. Scolate la pasta e saltate in padella mantecando con la crema ottenuta in precedenza e pepe nero.

 

Torta soffiata

Altra proposta per colazione o merenda, una maniera per mangiare cereali, in questo caso il miglio, niente vieta però di cucinarla anche con riso soffiato, quinhoa o farro…

Il miglio cereale quindi energia immediata, benessere, se volete saperne di più:

https://www.greenme.it/spazi-verdi/naturomania/549-miglio-proprieta-utilizzi

Ottima ricetta anche per esaurire scorte di cioccolato…

Ingredienti:

Per la torta

130 gr di miglio soffiato

350 gr cioccolato, misto latte e fondente

200 ml latte

Fragole

Per la crema mou

250 ml panna

200 gr zucchero

1 bacca di vaniglia

2 cucchiai di acqua

Procedimento:

  1. Versate il miglio soffiato in una ciotola e versate al suo interno anche il latte, mescolate bene.
  2. Spezzettate il cioccolato e scioglietelo al microonde per un minuto, mescolate bene.
  3. Unite il cioccolato al miglio soffiato e amalgamare. Versate il composto in una tortiera foderata con carta forno.
  4. Fate attenzione a lasciare una nicchia che servirà a contenere la crema mou. Ora la torta va in frigo, si deve compattare, anche tutta la notte.
  5. Preparate la crema mou, in un pentolino versate lo zucchero con 2 cucchiai di acqua, sciogliere a fuoco basso senza mescolare.
  6. Quando lo zucchero inizia a colorirsi togliete il pentolino dal fuoco e unite la panna, mescolate bene e fate cuocere ancora 10 minuti a fuoco basso.
  7. Quando la crema si sarà intiepidita versate nella nicchia che avete lasciato nella torta, fate rassodare un’ora in frigo.
  8. Torta soffiata

    A piacere potete guarnire con frutta fresca

 

Persico con coriandolo e asparagi

Chi ha detto che per cucinare buono e bello ci vuole tanto tempo? Vi racconto di questa ricetta, non vi daró dosi precise perché solo voi sapete chi avete a tavola e quanto appetito hanno… ore 17.50 esco da lavoro e penso… che cucino? Pesce! Pescivendolo, preso Pesce Persico, penso che verdure ho? Proprio ieri a un mercatino ho preso degli asparagi verdi bellissimi, poi a casa troverò il resto.

Mi metto ai fornelli, lavo gli asparagi e li privo del gambo, li trasferisco bel cestello per cottura a vapore, un pizzico di sale e a cuocere per 10 minuti, quando sono cotti li condisco con olio evo e aceto di mele.

Taglio il persico a cubetti, faccio soffriggere aglio con un filo d’olio, aggiungo il pesce e cuocio per5 minuti.

Bel mixer frullo qualche foglia di coriandolo con succo di mezzo limone e olio evo, aggiungo peperoncino in polvere che serve a insaporire e a limitare l’uso del sale.

Impiatto con un coppa pasta per dare una forma carina, aggiungo gli asparagi, condisco con il pesto di coriandolo, ore 19.30 cena in tavola!

Qualche info su Pesce Persico e i benefici del peperoncino:

https://it.m.wikipedia.org/wiki/Perca_fluviatilis

https://www.deabyday.tv/cucina-e-ricette/abc-della-cucina/guide/6811/Come-sfruttare-il-peperoncino-in-cucina-e-non-solo.html

Se poi come me la mattina avete cotto un fantastico pane fatto in casa…

Pane con licoli farina1 e tritordeum

Tartellette di riso Venere

Non so voi personale non sono mai stata un’appassionata della colazione, per questo ho sempre bisogno di creare una valida alternativa al solito biscotto.

Queste tartellette sono l’ideale, senza burro, farina di riso Venere, deliziosa marmellata e yogurt alimento sano ricco di fermenti.

Ingredinti per 4 tartellette, stampo cm 10:

Per la pasta:

115 gr farina di riso Venere

50 gr zucchero bianco

25 gr olio evo

1 uovo

legumi secchi per cottura in bianco

Per la marmellata di fragole:

500 gr fragole

4 cucchiai di zucchero

Succo di un limone

 

150 gr yogurt greco

Procedimento:

  1. preparare la pasta, nella planetaria sciogliete lo zucchero con l’uovo, aggiungete la farina e l’olio, impastate fino ad ottenere un’impasto omogeneo, avvolgete nella pellicola e fate riposare in frigo un’ora.
  2. preparate la marmellata, tagliate a pezzetti le fragole, tenendone da parte qualcuna per guarnizione. In una casseuola fate cuocere a fuoco medio le fragole il succo di limone e lo zucchero, fate cuocere e restringere il tutto, quindi fate raffreddare.
  3. stendete la pasta con il mattarello, spessore 5mm, oleate leggermente lo stampo, stendete la pasta nello stampo rifilando i bordi, stendete sull’impasto della carta forno e adagiate sopra di essa dei fagioli essiccati, cuocete in forno a 180° per 20 minuti+5 minuti senza legumi  e carta forno.
  4. Dalla pasta stesa ricavate della mezze lune, circa la metà dello stampo, foratele con una cannuccia a simulare i puntini della fragola, cuocete in forno circa 15 minuti
  5. Versate all’interno 2 cucchiai di yogurt per ogni tartelletta, coprite con marmellata.
  6. Coprite parzialmente con le mezze lune preparate in precedenza, servite con fragole fresche.
  7. edf

Gateau di verdure con stracchino senza lattosio

Questa è la secoda ricetta che preparo con i prodotti ricevuti dal caseificio Tommasoni, prima di entrare nel vivo con ingrediente ecc vi volevo raccontare un’evento che da un’anno a questa parte un po’ la mia vita “culinaria” l’ha influenzata.

L’anno scorso più o meno in questo periodo ho partecipato a un tour organizzato a Venezia all’interno del Ghetto Ebraico, alla scoperta della cultura, della religione visitando bellissime sinagoghe, e sopratutto alla scoperta della cucina Ebraica, delle regole base  dettate dalla Torà e della cucina Kosher.

Per la cucina Kasher non vanno mai mescolate carne e latticini, in ben tre passi della Torà si raccomanda di non cuocere “il capretto nel latte di sua madre”, per questo motivo gli ebrei osservanti hanno due servizi di piatti e stoviglie diversi, scomparti distinti in frigorifero, ed anche spugne separate, inoltre esistono ristoranti detti di pesce e ristoranti di carne, come detto prima nei ristoranti di carne non si servono e non si usano latticini. Se vi va di aprofondire questo argomento vi lascio questo interessante link

http://www.italykosherunion.it/it/cosa-e-il-kosher/

Tornando a noi ho voluto fare mia per quanto possibile questa regola, in primis perchè la reputo sensata, quindi cerco di preparare piatti vegetariani e vegani il più possibile, limitando il consumo di carne.

In preparazione alla Tomasoni run experience ho deciso quindi di proseguire in questa scelta e di preparare con i prodotti ricevuti piatti vegetariani, leggeri e sani ma sempre e comunque saporiti e mai banali.

Per la ricetta di oggi vi propongo un gateau di verdure svuota frigo, nel senso che può essere preparato con tutte le verdure che avete, a completare il piatto lo Stracchino senza lattosio Tomasoni e deliziosi asparagi verdi.

https://www.caseificiotomasoni.it/it/

Stracchino senza lattosio

Ingredienti per tre cocotte cm 12×12:

300 gr di verdure tagliate a julienne

100 gr stracchino senza lattosio

80 gr grana padano grattugiato

2 uova

80 gr farina di riso

sale

pepe verde

olio evo

Procedimento:

Questa ricetta può essere preparata con tutti i tipi di verdura, io nello specifico ho usato zucca, patate viola, carote e porro, tagliate sottili a julienne.

Montate gli albumi a neve, in un’altra ciotola mescolate le verdure, i tuorli, 2/3 dello stracchino, il grana padano, sale, pepe, mescolate bene quindi aggiungete albumi e mescolate.

Ungete leggermente le cocotte con olio evo, versate il composto e con un cucchiaio livellate.

Aggiungete sopre le verdure il restante stracchino, un filo di olio e infornate a 190° per 25/30 minuti, io ho accompagnato con degli asparagi verdi cotti a vapore e conditi con sale e aceto balsamico.

Carnaroli con ortiche e Capriccio di Capra Tomasoni

Da qualche anno complice il lavoro e la creazione del blog ho accantonato in parte me stessa, curando si il mio benessere ma non come avrei voluto, un’impulso positivo a cambiare questa condizione è arrivato grazie all’invito dell’ azienda Tomasoni formaggi a partecipare alla Tomasoni run experience 2018 che si svolgerà il 6 maggio a Treviso, non solo partecipare attivamente alla camminata/corsa ma anche diffondere attraverso blog e social la mia preparazione.

Ho iniziato a leggere di questa azienda della quale avevo già provato alcuni prodotti ma non avevo mai approfondito la conoscenza, il marchio nasce nel 1955 dalla passione per il formaggio del casaro Primo Tommasoni, il quale in proviancia di Treviso vicino al fiume Piave crea ed espande l’azienda. La Tomasoni produce varie tipologie di formaggi trà cui la Crema del Piave, lo Stracchino e la Casatella,  il Pannarello, uno dei formaggi più imitati, cosa interessante da sottolineare è che il caseificio Tomasoni lavora solo latte veneto, proveniente da stalle trevigiane nel raggio di massimo 40 km dall’azienda, un’azienda che punta molto sulla ricerca di materie prime di qualità, sul risparmio energetico, insomma tradizione ed innovazione, una linea che tutte le aziende dovrebbero seguire.

https://www.caseificiotomasoni.it/it/

Sabato 7 aprile ricevo il pacco contenente diverse tipologie di formaggio, un bellissimo grembiule e un quaderno sul quale annotare il  percorso di preparazione alla gara…

il mio cervello ha cominciato a macinare idee…

Ricette e come prepararsi al meglio alla caminata/corsa di 9 km. Vista la linea dell’azienza, utilizzare latte veneto, ho pensato che il primo piatto da realizare domenica a pranzo fosse un’ottimo Carnaroli prodotto a Isola della Scala… pensando all’idea del risotto domenica mattina vado a fare una camminata di 5 km con il mio cucciolone Nebbia, e li ad aspettarmi delle meravigliose ortiche primizie di primavera, ne raccolgo un bel pò e mi avvio verso casa per preparare la ricetta che vado ad inserire, mi merito un buon risotto dopo 5 km di camminata veloce!

Decido di abbinare alle ortiche il Capriccio di Capra Tomasoni, prodotto con 100% latte di capra, latte molto più digeribile rispetto al latte vaccino, formaggio aromatico ideale per la mantecatura del risotto.

Capriccio di Capra Tomasoni

Ingredienti per 4 persone:

350 gr di riso Carnaroli

800 ml circa di brodo vegetale (sedano, carota e cipolla)

250 gr di ortica

1 spicchi d’aglio

Olio evo

Sale

Pepe nero

Procedimento:

Preparate il brodo vegetale, in una casseruola versate abbondante acqua, pulite e tagliate le verdure, fate bollire circa un’ora e salate.

In una padella dai bordi alti fate cuocere a vapore le ortiche per 10 minuti aggiustando di sale, mi raccomando quando raccogliete le ortiche prendete solo le cime, saranno più tenere. Una volta cotte frullate le ortiche aggiungendo lo spicchio d’aglio, olio evo e pepe, a creare una sorta di pesto.

In una casseruola dai bordi alti tostate il riso, dopo due minuti aggiungete gradualmente il brodo e portate a cottura, salate pepate, mantecate con Capriccio di Capra che avrete grattugiato.

Impiattate e aggiungete il pesto di ortiche.

 

Cheese cake al tè macha

Il tè macha ha origine giapponese, utilizzato molto in pasticceria perché molto aromatico e conferisce un bellissimo colore verde.

Se volete scoprire le proprietà del tè macha vi lascio questo link

http://blog.thehoneyland.it/super-alimenti-biologici/te-matcha-proprieta-benefici-controindicazioni/

Questa cheese cake l’ho creata per un catering vegetariano, è piaciuta talmente tanto che ho deciso di pubblicare la ricetta.

Ingredienti per uno stampo da 18 cm rettangolare:

Per la base:

180 gr biscotti secchi al cioccolato pan di stelle

50 gr burro

Per la crema:

250 gr ricotta

170 gr yogurt greco

250 gr Philadelphia

3 cucchiaini di tè macha

6 cucchiai di zucchero

2 uova

Succo di un limone

1 cucchiaino di agar agar

Per la glassa al cioccolato:

100 gr cioccolato fondente

20 gr burro

1 cucchiaino di miele d’acacia

Procedimento:

  1. Nel mixer tritate i biscotti con il burro fuso, disponete il composto nella tortiera e pressate bene, fate riposare in frizzer una mezz’oretta.
  2. Con le fruste montare tuorlo e zucchero fino a ottenere un composto spumoso.
  3. Montare le chiare a neve.
  4. In una ciotola unire ricotta, Philadelphia e yogurt, il succo di limone, il tuorlo montato e amalgamare bene.
  5.  Incorporare il tè macha, e per ultime le chiare montate a neve.
  6. Versate il composto sul fondo che ormai sarà solidificato, infornate a 180° per un’ora, quindi fate riposare un’ora in frigo a forno spento.
  7. Sciogliere il cioccolato nel microonde, aggiungete il burro e il miele, mescolate bene, quando il dolce sarà freddo glassate a piacere e servite.