Vinifera 2022

vinifera 2022

Trento è sempre una città piacevole ed accogliente. Con il suo ordine e la sua calorosa riservatezza, è un piacere tornarci soprattutto in primavera, quando Vinifera edizione 2022 apre i cancelli di Trento Expo.

Vinifera la Mostra Mercato, in una frase il riassunto di quello che rappresenta questa manifestazione.

Un luogo in cui i produttori mettono in “mostra” le loro creature, e dove i visitatori le possono assaggiare, comprendere grazie all’interazione immediata con chi ha dato vita al prodotto, e infine acquistare e portare a casa una parte di quell’esperienza.

Vinifera 2022

L’edizione 2022 vede in degustazione vini di montagna italiani, con rappresentanze di tutte le regioni interessate, per poi proseguire con Francia, Svizzera, Austria e Slovenia.

Un’ulteriore balzo in avanti per la manifestazione che per questa edizione vede notevolmente ampliata la proposta di vini degustazione, e vede la presenza ai banchi di assaggio con vini biodinamici dell’ associazione francese Vignerons de Nature.

Sempre presente anche la proposta food, rivolta sempre più al consumo consapevole, che passa per la conoscenza della stagionalità ma anche per la conoscenza del ciclo produttivo, evitare gli sprechi e ricavare tutto il possibile dalla materia prima.

Una piccola nota, tanto per sottolineare la sensibilità degli organizzatori verso la sostenibilità, con il calice non viene consegnato il classico sacchetto porta bicchiere.

Se ci pensi viene quasi sempre buttato e trattandosi di tessuto lavorato si tratta di rifiuto non riciclabile.

La mia manifestazione

Chi mi segue sa che non pubblico mai sul blog prima di aver partecipato all’evento in questione, per me è come parlare di un luogo mai visitato e soprattutto capito.

Due cose porto a casa da Vinifera, la crescente presenza giovane a questo tipo d’eventi, presenza consapevole e interessata. Giovani che interagiscono con i produttori e sono interessati a capire il prodotto e la sua produzione.

La seconda cosa riguarda me e la mia consapevolezza in tema sidro, hai capito bene, questa volta non ti parlerò di vino, o meglio non ti parlo di vino prodotto con l’uva, ma di un prodotto figlio della fermentazione delle mele.

Devo ammettere che non ho una grande esperienza in merito, ma grazie all’incontro in fiera con Sidro Vittoria, posso dire di aver acceso in me la lampadina.

Sidro di mele
Sidro di mele Sidro Vittoria

Quando incontri una persona che in cinque minuti fa nasce in te una curiosità persistente, che ti porta a scrivere della realtà che ti è stata raccontata vuol dire che ti è stato trasmesso amore e passione per il proprio lavoro, per la propria realtà produttiva.

Il progetto ha la sua sede in Cadore e mira a recuperare varietà di mele storiche, tradizionali e locali, adatte alla produzione di sidro. Frutteti al margine dei boschi in terreni anche scoscesi, le piante poggiano su terreni calcaree ed arenacee ce conferiscono ai frutti tratti minerali.

Prodotto con Metodo Classico, proprio il metodo utilizzato per produrre il famoso Champagne e gli Spumanti più pregiati, molte sono le fasi produttive che accomunano questo Sidro di Mele allo Spumante.

Una continua ricerca di varietà internazionali contraddistingue Sidro Vittoria, per creare equilibrio e bilanciatura nel prodotto finito.

Credo che a breve andrò a trovare sul campo (nel vero senso della parola) questa piccola realtà, perché quello che traspare dal racconto è la costante ricerca che li contrddistingue.