Soave il profumo del vino

Stampa

In pieno svolgimento l’ edizione numero 19 di Soave Versus, forte di un 2019 si preannuncia un’ ottima annata, anche se un maggio più freddo e piovoso del solito associato a una grandinata che ha compromesso il 22% della produzione.

Manifestazione che si svolge in una delle location più belle di Verona, il palazzo della Gran Guardia.

Evento che ad ogni edizione é sempre più ricca di iniziative ed appuntamenti, apertura ufficiale delle degustazioni sabato 31 agosto alle ore 18.00.

Gli appuntamenti organizzati per questa edizione dal Consorzio Tutela dei Vino Soave e la Stada del vino Soave sono iniziati già venerdì 30, aperitivo lounge bar Wonder in Wonderland e degustazioni nel loggiato soprattutto rivolte ad un pubblico giovane per insegnare il bere consapevole.

Il Soave da Paesaggio a Patrimonio

Sabato si prosegue alle 17.00 con la conferenza il Soave da Paesaggio a Patrimonio che ha come tema l’ eno turismo, tema sempre di grande attualità, di cui il Veneto fa parte in grande stile sia per la proposta turistica ma soprattutto quella vinicola.

Ad animare la conferenza personaggi del calibro di Federico Quaranta, e varie figure di spicco nel mondo del turismo eno gastronomico.

Domenica che segna anche l’ inizio di settembre è invece dedicata al connubio food e wine, tema che mi stà a cuore, in particolare ai profumi non solo del vino, ai piaceri della carne e a un ragionamento Soave e seduzione.

Soave seduzione

Ho avuto il piacere do partecipare al talk show condotto da Francesca Negri suddiviso in più parti, tema conduttore il Soave.

Soavi fragranze, un’ interessante esperienza olfattiva condotta da Francesco Gini, che ci ha portato alla scoperta delle fragranze che compongono due delle sue fragranze, ispirate al Soave Classico e al Recioto, fragranze floreali erbacee per il primo, dolci e aromatiche per il secondo.

Soavi fragranze

I piaceri della carne, sempre degustando ottimo vino tra queste cru Menini, Sengialta, Costeggiola, Castelcerino, Tenda, Pigno, si è parlato di corteggiamento di seduzione e di come il connubio tra cibo e vino anche in questo senso sia importante. Attraverso la tartare e il roastbeef di manzo di Massimo Santacá è sempre più chiaro il fatto che la materia prima è la cosa fondamentale.

I piaceri della carne

Enrico Croatti eclettico chef primo Italiano stella Michelin in Spagna, esperienze in varie parti del mondo ma in particolare a Los Angeles hanno contaminato nella nota creativa la cucina Italiana, assolutamente esaltandola. Se volete sapere cosa co ha fatto gustare guardate I miei post social martedì 3 settembre.

45 giri di ostica

Food & wine

Mai come quest’ anno si vuole mettere in primo piano una delle eccellenze venete per il vino, il Soave, ma anche alcune perle in tema cibo.

Presenti tipicità come il fagiolo di Lamon, il formaggio Monte Veronese, il prosciutto di Soave, asparago bianco di Bassano e tante altre…

Si vuole anche creare sempre più sinergia con I ristoratori Veronesi che in questi giorni proporranno in particolare abbinamenti con il vino Soave.

Alcuni dei ristoranti che partecipano: Osteria ai Osei, Trattoria tre Marchetti, Bottega Vini, Trattoria all’ Isolo.

Ma anche free tasting da Signorvino nello store di Corso Porta Nuova, dove sarà dedicata un’ area degustazione.

Però la fa da padrone il vino, come detto in precedenza più di 40 cantine propongono o loro vini.

Tutti rappresentanti eccellenti della realtà Soave che sempre più si sta affermando non solo in Italia ma nel mondo.

Personalmente è il vino che mi ha fatto avvicinare a questo mondo, in senso molto positivo lo definisco un vino semplice, ripeto assolutamente in modo positivo.

Semplice da capire, semplice da interpretare, nei sapori nei profumi e nelle sensazioni.

I miei preferiti

Come sempre quando mi reco a questo tipo di manifestazioni alla fine tiro le somme, non ho la presunzione di dire cosa è meglio, semplicemente il mio parere.

Canoso 1876

Una piacevole sorpresa, Cantina Canoso 1876, ho assaggiato I loro prodotti per la prima volta al Versus.

Per molti anni produttori per cantine di spicco del panorama Soave, recentemente hanno deciso di produrre con il loro nome il liro prodotto.

Mi è piaciuto molto Soave Superiore DOCG Classico, 80% Garganega, 10% Trebbiano di Soave, 10% Manzoni Bianco, la zona vulcanica conferisce al vino mineralitá, ma non subendo invecchiamento in legno resta fresco equilibrato per aciditá e morbidezza, sicuramente un vino che può essere affinato in bottiglia per scoprire nel corso del tempo l’ evoluzione.

L’ abbinamento perfetto per me con un crudo di pesce ma dalle marinature importante, pepe e agrumi a farla da padrone.

CANOSO

Corte Moschina

A differenza della precedente i vini di Corte Moschina gia li conoscevo, ho voluto provare l’ unico che mancava all’ appello.

Soave Superiore DOCG I Tarai, il nome deriva dal tipo di coltivazione delle vigne in piccole terrazze, qui il legno c’é e si sente, ma serve, lo rende persistente e corposo adatto in abbinamento a una carne di coniglio o quaglia.

Corte Moschina

Risotto asparagi verdi e vongole

Asparagi verdi fonte di ferro e vitamine, un po tende depuratore per i nostri reni.

Devo aggiungere ancora qualcosa per convincerti a mangiare in grande quantità questo ortaggio di primavera?

Insieme a un mollusco delicato come le vongole e al riso vialone nano della Riseria Ferron crea un primo piatto elegante e di grande gusto.

Ingredienti per 4 persone:

320 gr riso vialone nano Ferron

1 lt brodo vegetale (sedano, carote, cipolla, gambi asparagi)

150 ml di Soave La Vero Corte Canella

1 kg di vongole

500 gr asparagi verdi

noce di burro

sale

pepe bianco

Spicchio d’aglio

Scalogno

Procedilento:

Prepara il brodo facendo bollire sedano, carote e cipolla.

In una padella fai rosolare l’ aglio con un filo di olio evo, versa le vongole e sfuma col vino bianco.

Copri con coperchio e fai cuocere due minuti, giusto il tempo di far aprire le vongole.

Togli le vongole dal guscio, ma non tutte, qualcuna lasciala per guarnizione.

Filtra il liquido delle vongole e versarlo nel brodo.

Lava gli asparagi, leva la parte finale, taglia gli asparagi a rondelle lasciando la punta intera.

Soffriggi lo scalogno con un filo d’ olio, fai tostare il riso a fuoco vivo fino a quando il riso diventa traslucido.

Aggiungi il brodo poco per volta, da subito inserisci nella casseruola le rondelle di asparago.

Continua a mescolare, a metà cottura aggiungi le vongole e le punte di asparagi, porta a cottura col brodo.

Manteca con una noce di burro e servi.

Alici olé!

Anche questa, come molte delle ricette che scrivo, nasce dalla curiositàdi miscelare cose che mi piacciono e trovare l’equilibrio nel farlo diventare un piatto, premesso ciò devo dire che una delle mie cucine preferite è la Messicana però credo che la cucina Italiana non ha nulla da invidiare alle altre cucine e mi piace cercare la maniera di ricreare “all’italiana” cose assaggiate nelle altre cucine.

In questa ricetta in particolare troviamo un pesce azzurro fantastico come le alici che qui sono marinate, le taccole prodotto versatile della primavera e la farina di Riso NeroBeppino della Riseria Melotti di Isola della Scala, in particolare la farina sarà utilizzata per preparare dei Nachos, le taccole per preparare una salsa simile al guacamole, e le alici saranno marinate e cotte leggermente in forno per far piacere a tutti il piatto finito. Vi lascio di seguito dei link dove potete trovare maggiori informazioni su farina di riso e taccole.

https://www.melotti.it

https://www.greenme.it

In abbinamento alla ricetta che può essere classificata come antipasto, oppure se ci spostiamo a Venezia”Spunciotti” che in Spagna diventano “Tapas”, in ogni caso si tratta di piccole porzioni di cibo che accompagnano un buon bicchiere di vino.

Nel nostro caso il vino è Cà Bianchi Soave della cantina Le Albare, vino dal colore gialo paglierino, all’assaggio un sentore fruttato e di acacia, al palato persistente e profumato, adatto per accompagnare un piatto come quelo che propongo oggi, servito fresco per un’apertitivo estivo.

Ingredienti per 4 persone:

Per i nachos:

100 gr farina di riso nero

50 gr acqua

sale

Per le alici:

800 gr di alici

1 cipollotto

1 lime

300 ml di vino Ca Bianchi

prezzemolo tritato

olio evo

sale

pepe nero

per guacamole:

200 gr taccole

olio evo

1 cipollotto

1/2 cucchiaino peperoncino in polvere

acqua qb

Procedimento:

  1. Per prima cosa puliamo le alici eliminando la testa  e le lische, delicatamente sotto acqua corrente lavatele bene.
  2. Asciugate bene le alici, disponetele in una pirofila e coprite con una marinata composta dal vino Soave, lime, cipollotto a pezzi, sale, pepe e olio evo.
  3. marinata
  4. Coprite con pellicola e fate marinare imfrigo 4 ore. Trascorso il tempo eliminate la pellicola e cuocete in forno a 160° per 5 minuti, lasciare raffreddare.
  5. Prepariamo i nachos, semplicemente impastate farina di riso nero con acqua e sale, stendete il composto su carta forno, stendete molto sottile, fate cuocera a 190° per 15 minuti, appena sfornato tagliate i vostri nachos e laciate raffreddare su di una grata in modo che si adciughino bene.
  6. Per il guacamole lavate le taccole, tagliatele a pezzetti e cuocete a vapore per 15 minuti aggiungendo sale e un cipollotto tritato. Quando saranno cotte trasferite in un boccale aggiungendo un pò di acqua di cottura e del peperoncino in polvere, frullate con frullatore a immersione, lasciate raffredare.
  7. Impiattate unendo il guacamole, le alici che avrete scolato dalla marinata e che avrete spolverato co prezzemolo tritato…. i nachos e se vi va qualche rondella di rapanello.

Seppie al nero con Monte Majore le Albare

Arriva l’autunno e con lui un grande classico le seppie con i piselli e la polenta, in questo caso come da mia abitudine leggermente rivisitate, la polenta preparata a doc con farina di mais bianco  è colorata e insaporita dal nero di seppia, le seppie e i piselli cotti separatamente per rendere i sapori ben distinti.

Alle seppie al nero abbino il vino Monte Majore dell’azienda agricola le Albare di Monteforte d’Alpone in provincia di Verona, questo vino è frutto della scelta dei migliori grappoli del vitigno Garganega, raccolti a mano nella terra del Soave. Dopo un breve appassimento ai primi di novembre l’uva viene vinificata con passione e cura da Stefano Posenato. Dal colore luminoso giallo paglienino, aromatico e persistente è un giusto abbinamento al piatto che proponiamo, in quanto la nota sapida che rimane dopo la degustazione smorza il gusto tendenzialmente dolciastro del piatto. Temperatura di servizio 11-12 °C.

Ingredienti per 4 persone:

1 kg di seppie medie dimensioni

1/2 bicchiere di Monte Majore

1 cipolla

sale

pepe nero

Per i piselli:

400 gr di peselli

200 ml di passata di pomodoro

1 spicchio d’aglio

sale

Per la polenta:

250 gr di farina mais bianco

1,30 di acqua

1 cucchiaino di sale

 

Procedimento:

  1. prepariamo la polenta, mettete a scaldare l’acqua con il sale, quando arriva a bollore aggiungete la farina poco per volta mescolando con una frusta evitando così la formazione di grumi, fate cuocere a fuoco basso per 50 minuti.
  2. Versate la polenta in una pirofila foderata con carta forno e fate raffreddare. Ricavate quindi quadratini circa cm 4×4 che farete brustoline al forno preriscaldato a 200° al momento del servizio.
  3. Fate soffriggere in un filo di olio evo l’aglio sbucciato, Aggiungete la passata di pomodoro fatta scaldare, quindi Aggiungete i piselli e portate a cottura a fuoco basso.
  4. Tagliatelle le seppie a striscioline sottili. Fate rosolare in olio extravergine d’oliva la cipolla tritata molto finemente, continuate la cottura della cipolla sfumando con il vino. Aggiungete quindi le seppie coprite con un coperchio e fate cuocere per mezz’ora, aggiustate con sale e pepe.

Impiattate come in foto con piselli sul fondo le seppie e quadrati di polenta a guarnire il piatto.